Capitale Lavoro avvia il piano di riqualificazione professionale. Interessati tutti i 145 dipendenti.

Capitale Lavoro punta sulla riqualificazione e il miglioramento delle competenze e per la prima volta stila un piano formativo che coinvolge tutti i 145 dipendenti. L’obiettivo è favorirne lo sviluppo professionale, valorizzare le eccellenze e promuovere le condizioni per un generale miglioramento delle attività.

A dettare le linee guida l’edizione 2020 del rapporto “Future of Jobs”, pubblicata dal World Economic Forum, che, nel presentare l’evoluzione del mercato del lavoro e i cambiamenti strutturali e organizzativi causati dalla pandemia, ha sottolineato la necessità di aggiornare o acquisire nuove competenze entro il 2025.

È in questo contesto, quindi, che Capitale Lavoro, per il 2022, ha avviato una profonda riorganizzazione delle attività al fine di attuare nuovi modelli organizzativi e produttivi di lavoro agile, ha favorito la flessibilità – alternando lavoro in sede e lavoro a distanza – e punta ora a una sempre più marcata autonomia professionale delle proprie risorse. L’intento è mettere a disposizione dell’azienda un capitale umano più preparato e favorire lo spirito di coesione dei vari gruppi di lavoro, il tutto anche a vantaggio della qualità dei servizi che Capitale Lavoro rende a Città metropolitana di Roma Capitale.

“Il piano formativo rappresenta l’elemento cardine di una strategia aziendale innovativa tesa a valorizzare il capitale umano”, afferma l’Amministratore Unico, Ulderico Granata. “Questa visione – coadiuvata dal responsabile dell’ufficio Risorse Umane, che ha attivato un proficuo dialogo con tutte le organizzazioni sindacali e individuato i percorsi formativi indispensabili per avviare il nostro modello evolutivo – permette oggi di gettare basi più solide per il futuro di Capitale Lavoro e delle sue eccellenze. A questo proposito – conclude Granata – colgo l’occasione anche per ringraziare tutto l’Ufficio Risorse Umane per il lavoro svolto e gli ottimi risultati raggiunti”.

 

Qualche numero. Il piano durerà 330 giorni (dal 15 gennaio al 15 dicembre 2022) e coinvolgerà i 145 dipendenti (sono esclusi soltanto i dirigenti) in 16 progetti di formazione e sviluppo, per un totale di 16.317 ore di didattica, che potranno essere aumentate se necessario.